Pietro Milella

blog ufficiale.

martedì 16 gennaio 2018

#Interviste: Gabriele Del Buono & #Johnny

Nessun commento
Gabriele Del Buono
Benvenuti in un nuovo spazio del mio blog, quello delle Interviste!
Oggi ho deciso di iniziare intervistando Gabriele del Buono, autore emergente barese. È il direttore del Prudence Magazine, classe 1988, e ha all'attivo diversi eBook su Amazon. Il 18 dicembre 2017  ha pubblicato il suo nuovo romanzo #Johnny - Cruel Summer, [acquista #Johnny - Cruel Summer] edito da Primiceri Editore.

Eccoci qui Gabriele, finalmente sei sul mio blog per farti intervistare e parlare un po'di te e del tuo nuovo romanzo #Johnny - Cruel Summer.
Sono molto curioso poiché la lettura è stata molto 'wow', e ad esserti sincero non riuscivo a smettere di leggerlo.

Ti ringrazio, è un piacere essere qui per la mia prima intervista. Beh che dire, speravo che la lettura fosse 'wow', un giallo dovrebbe creare proprio attesa e sorpresa, quindi spero di essere riuscito in questo intento, sono molto curioso di sentire le prime reazioni.

Partiamo con la prima domanda, un po'come si suole dire è nato prima l'uovo o la gallina: sono nate prima le canzoni o la storia di #Johnny?
Domanda interessante perché in realtà non c'è una sola risposta, in quanto la trama c'era, bisognava svilupparla, arricchirla e quindi in alcuni capitoli le canzoni sono solo state un supporto per creare l'atmosfera giusta per scrivere le scene che avevo già pensato. In altri capitoli invece ho lasciato che le canzoni scrivessero da sole la scena. Ci sono quei momenti in cui ti blocchi, o non sai come andare avanti, e trovo che una canzone possa darti gli spunti giusti, alle volte anche solo emotivi, per poter scrivere, come è successo nel capitolo dedicato al nonno e in quello dedicato a Bea.

Bene molto interessante, i personaggi sono molto reali, quasi palpabili in alcuni tratti, c'è stato qualcosa che ti ha ispirato o è nato tutto tra una battuta e l'altra?
I personaggi sono volutamente 'palpabili', alle volte nei romanzi i personaggi sono distaccati dalla realtà, qualcosa giustamente nato per essere solo una illusione, perché alla fine la funzione di una storia dovrebbe essere prima di tutto per farti vivere qualcosa di lontano da te. Penso però che lo si possa fare anche permettendo al lettore di imedesimarsi, perché il personaggio di Johnny è un po' tutti noi, tutti vorremmo metterci sulle tracce di qualcosa o qualcuno, a tutti piacerebbe sentirsi un po' investigatori almeno una volta nella vita, e se lo facessimo davvero potremmo finire nei guai come lui, quindi con Johnny si sogna, si vive qualcosa di diverso, ma si resta comunque nella sfera del possibile, perché la vita può sempre riservarci cose che ci appaiono impossibili. Probabilmente l'unico personaggio idealizzato, ispirato da un personaggio di un'altra narrazione, è quello del commissario Bollani, talmente perfetta per Johnny da sembrare irreale, c'è volutamente un alone di 'finzione' intorno a lei.
copertina #Johnny - Cruel Summer

Fantastico! Adesso però parlami un po' di te, come ti senti alla tua prima pubblicazione, cartacea e con una casa editrice dietro?
Strano. Mi spiego meglio, è una esperienza bellissima, e non avendo ancora iniziato la vera fase promozionale sono ancora in una fase di normalità, ma avverto qualcosa di 'strano', qualcosa di nuovo che si sta per avverare, è come se non fossi ancora conscio di ciò che verrà dopo, che sono sicuro sarò bellissimo.

Se dovessi scegliere un personaggio, il tuo preferito, o quello più interessante da scrivere chi sceglieresti?
Sembrerà scontato ma Giovanni/Johnny è sicuramente il mio preferito, ha avuto la capacità, pur non esistendo realmente, di guidarmi in tutto questo. Anche perché è l'evoluzione di vari personaggi che ho in mente da sempre, quindi è sempre esistito per me. Penso che la cosa più interessante sia stata lavorare su Giovanni, la parte più interiore, quella che ci racconta insomma di Emiliano, di suo nonno, quello che gioca con Matilde, e quello che non capisce ad un certo punto il suo rapporto con Bea.

Hai la possibilità di descrizione il tuo romanzo con tre aggettivi, così a caldo.
Divertente. Accattivante. Bizzarro.

Hai altri progetti per il futuro?
Tanti. Di certo Johnny ha ancora tanto da dire, quindi potreste sentir parlare presto di una nuova avventura/disavventura. E poi ho qualcosa nel cassetto di molto personale, e molto differente da questo giallo, sto valutando ancora in quale direzione andare per la sua pubblicazione.

venerdì 30 giugno 2017

Un tuffo al cuore: DOVE TROVARLO?

Nessun commento

Buongiorno cari lettori, da oggi 30 giugno il romanzo 'Un tuffo al cuore' di Pietro Milella è disponibile per l'acquisto in alcune librerie. La lista in aggiornamento quindi restate connessi per saperne di più. Se la vostra libreria lo vende o è interessata alla vendita contattatemi subito all'indirizzo untuffoalcuoreromanzo@gmail.com
Grazie e buon acquisto. Lo Staff.

LIBRERIE:
- La libreria del Marchese, via Vittorio Veneto 164, Adelfia (BA)
- Libreria Roma, Piazza Aldo Moro 13, Bari
- tutti i punti vendita La Feltrinelli su ordinazione
- Libreria Marconi Di Mauro Racanati, Via Guglielmo Marconi, 1, Bisceglie (BT)
- Libreria Stella Di Dalfino Stella Maria, Via Giovanni Xxiii 39-41, Acquaviva delle Fonti (BA)
- LibriAmo, Piazza Di Vagno 31, Santeramo In Colle (BA)

STORES ONLINE:
- La banda del book
- La Feltrinelli
- Amazon.it, ordinabile ma non ancora disponibile

FORMATO EBOOK:
- da fine luglio disponibile -

seguite Pietro Milella e Un Tuffo al Cuore su Facebook.

giovedì 15 giugno 2017

UN TUFFO AL CUORE dal 30 giugno in libreria!

Nessun commento

E alla fine arriva... Un tuffo al cuore. 🌊
Ve ne ho parlato a lungo, vi ho incuriosito con diversi spoiler sparsi tra un post e una canzone.
Oggi, con grande gioia, nel cuore e soprattutto nei miei occhi, sono lieto di presentarvi la copertina del mio primo romanzo, in preordine dal 16/06 e disponibile in libreria dal 30/06, edito da Zerounoundici Edizioni. #UnTuffoAlCuore #UTAC
Potete pre-ordinare il libro QUI http://bit.ly/2rhCRvk
Potete leggere un'anteprima QUI http://bit.ly/2rvPNND
Ricordatevi di seguirmi anche sulla mia pagina ufficiale Pietro Milella.
Restate sintonizzati per tanti aggiornamenti!

Sinossi: Marco vive in un paesino vicino a Bari e studia Lettere all'università. Da sempre omosessuale, da poco tempo è riuscito a fare outing con la sua famiglia e con i suoi amici. A costituire un vero e proprio spartiacque nella sua vita, però, vi è un'esperienza traumatica che l'ha segnato nel profondo: la violenza sessuale subita dalla persona che credeva di amare, Alessandro. Sarà solo grazie a un incontro fortuito in piscina con Jacopo, un giovane scrittore che ha alle spalle una dura perdita, che riuscirà a ritrovare il sorriso. Tra Milano e Bari, "Un tuffo al cuore" racconta la storia di un amore in grado di curare le ferite e di riportare alla vita i sogni che si credeva fossero perduti per sempre. 

lunedì 4 luglio 2016

Recensione "E se per caso"

Nessun commento
E se per caso” ti ritrovi sulla tua home un libro con un titolo così, innocuo, ma accattivante apri il link e lo scarichi da Amazon sul tuo Kindle e lo leggi in men che non si dica.
L’autore del racconto è il giovane Gabriele del Buono, un ragazzo di origini baresi che ha tra le tante passioni quella della scrittura. Nel mese di giugno 2016 ha pubblicato il racconto breve: “E se per caso”. Lo si può definire un racconto breve nella piena accezione del termine, sebbene sia molto pieno di emozioni e di piccoli dettagli condensati con abile maestria nelle 30 pagine che racconta la storia d’amore tra Nana e Romeo. Ci si ritrova a leggere l’intero romanzo in poco meno di un’ora soprattutto perché è la storia che lo rende possibile.

Non mi soffermo suoi dettagli della storia per il semplice fatto che la sua fluidità, ma soprattutto la sua immediatezza, la rendono così semplice e genuina da lasciare il lettore senza parole. Tu conoscerai già il finale nella tua mente, ma fino all’ultimo non saprai mai immaginarlo in maniera perfetta se non con le parole e le immagini trasmesse dall’autore. Anche lo stile dell’autore influisce molto su questo aspetto, poiché la sua estrema capacità di sintesi permette al libro di catturare sin da subito l’attenzione del lettore senza distoglierlo dalla storia.

E se per caso
Gabriele Del Buono
Officina delle nuove penne | La liberia segreta
★★★★★
Nana e Romeo si conoscono per caso in una sera di primavera all'osservatorio comunale. Nasce una storia d'amore inaspettata per entrambi, che sei mesi dopo viene stravolta da un evento che potrebbe dividerli per sempre. I due protagonisti, adolescenti, dovranno compiere delle scelte, e lottare per quello che hanno costruito insieme.

sabato 2 luglio 2016

Recensione "Now you see me 2"

Nessun commento
Now You See Me 2
Jon M. Chu
Lionsgate, Summit Entertainment
★★★
I Quattro Cavalieri affrontano una seconda avventura portando in tutto il mondo l'illusione a nuove vette di stupore. Un anno dopo aver ingannato l'FBI e aver conquistato il favore del pubblico con i loro spettacoli di magia alla Robin Hood, gli illusionisti ritornano con una nuova performance, nella speranza di smascherare le pratiche immorali di un magnate della tecnologia. L'uomo dietro il loro ritorno è Walter Mabry, un prodigio della tecnologia che minaccia la vita e la reputazione dei Cavalieri agli occhi del mondo. La loro unica speranza è di mettere in scena una spettacolare esibizione senza precedenti per riabilitare il loro nome e rivelare la mente dietro al complotto.

Now you see me 2” finalmente è arrivato nelle sale cinematografiche e con grande sorpresa è stata una leggera delusione. Non mi ha per niente entusiasmato come il primo capitolo della saga, poiché come tutti i seguiti ha perso qualcosa nel voler tentare di fare qualcosa in più rispetto al primo capitolo. Certo, se lo si considera una storia a sé rispetto al primo, si potrebbe salvare qualcosina in più, come alcuni aspetti della trama che hanno stonato e non poco.
La storyline del film è sulla falsa riga del primo, ma con un sapore di continuità che sin dalle prime battute sembra promettere un maestoso sequel, che si spegne pian piano con il dissiparsi della storia. Non mancano certamente i colpi di scena come nel film precedente, ma si sente molto la mancanza della protagonista femminile che aveva caratterizzato il primo capitolo: Henley Reeves (Ilsa Fisher) a causa della sua gravidanza l’attrice non ha potuto prendere parte alle riprese del secondo film pertanto è stato aggiunto alla trama il personaggio di Lula May (Lizzy Caplan).
Nel film i quattro cavalieri, cinque se si conta il poliziotto, sono ormai una leggenda in tutto il mondo, ma anche una spina nel fianco per Thaddeus, l’uomo che hanno rinchiuso in prigione alla fine del primo film. Si ritrovano a dover aspettare gli ordini dell’Occhio, senza mai concretizzare uno spettacolo vero e proprio e un loro ritorno in scena. Ma uno strano avvenimento, manipolato da più menti del crimine riesce a riportarli in scena e persino a beffarli rendendoli vittime di una trappola ben orchestrata dai loro vecchi nemici.
A volti noti dei protagonisti si aggiungono Walter Mabry (Daniel Radcliffe), che interpreta il figlio di Arthur Tessler, e Chase Mckinney fratello gemello di Merrit (sempre interpretato da Woody Harrelson).
Complessivamente il film e la trema prendono 4/5, sebbene ci siano stato multi punti discutibili, che ahimè sono stati salvati soprattutto dalla magnifica colonna sonora.


giovedì 17 settembre 2015

Recensione. "Stryx" di Connie Furnari

Nessun commento
Molto spesso sottraiamo del tempo prezioso ad una delle nostre passioni preferite: la lettura. E così dopo mesi di silenzio e di letture accademiche, per la preparazione degli esami universitari, mi sono deciso a riprendere in mano il mio Kindle e per ricominciare al meglio ho scaricato questo fantastico libro: Stryx il marchio della strega. Inizialmente ero molto scettico soprattutto poiché molti dipingevano l’autrice come una semplice autrice self, senza arte nè parte… ed invece è stata una vera e propria scoperta.


Stryx

Connie Furnari
Self Publishing
★★★
Il libro narra la storia di due Sorelle streghe, che ritornano a Salem dopo alcuni secoli di assenza. Sarah, protagonista della storia insieme a sua sorella Susan, anch’essa strega ritorna nella sua città natale, per cercare di vivere una vita normale, ma l’incontro con Scott, e tutte le dinamiche che ruotano attorno alla sua vita, la porteranno a dover sempre e comunque fare i conti con la magia, e soprattutto con l’interminabile faida tra streghe e cacciatori. Il romanzo, per alcuni tratti può risultare molto scontato e prevedibile, ma c’è sempre un quid, che riesce a svoltare la storia e la dinamica degli avvenimenti. L’autrice è stata molto brava nel costruire i capitoli ambientati nel XVII secolo, poiché aggiungono, come un conta gocce, informazioni di cui il lettore sarà di volta in volta sempre più avido. A discapito della trama, uno dei personaggi che il pubblico potrebbe sicuramente amare e la cinica, e peperina Susan.

Lo stile dell’autrice è molto sciolto e dinamico e riesce a rendere, anche le scene più drammatiche in modo quasi perfetto. Vi consiglio di leggere assolutamente questo stupendo eBook, e soprattutto di lasciarvi trasportare nel suo mondo. Per un attimo, infatti, mi sono sentito uno dei tanti cacciatori che assistevano all'incantesimo finale delle due sorelle; personalmente è una delle mie scene preferite, soprattutto sotto l'aspetto stilistico e descrittivo, sebbene la tutina di Susan in stile Oops i did it again è imbattibile. La magia esiste, solo nei libri, ma la Furnari è riuscita a portarla anche nella realtà.

martedì 6 gennaio 2015

Recensione "Isolde non c`è più" di Bianca Rita Cataldi

Nessun commento
Anche questa volta mi ritrovo tra i file del mio Kindle un libro della bravissima Bianca Rita Cataldi. Oggi vi parlerò del fantastico e-book: “Isolde non c’è più”. Come già sapete conosco l’autrice da diversi anni, ma questo post, e questa recensione non sono minimamente influenzati dal mio rapporto “interpersonale” con Bianca.



Isolde non c'è più
Bianca Rita Cataldi
Amazon Edizioni
★★★★★
Isolde non c’è più, narra le vicende del giovane Golvan, un ragazzo alle prese con i suoi problemi adolescenziale, e della sua migliore amica, Isolde, un ragazza di sei anni più grande di lui. Il loro è un rapporto speciale che si snoda nel tempo e nello spazio. Sin dal primo incontro tra i due ragazzi nasce una certa chimica, che però si evolve in una semplice amicizia. Inizialmente sembra un rapporto unilaterale, dove solo il giovane Golvan si confida con la ragazza, mentre Isolde, con la sua storia, il suo passato e i suoi problemi sono un totale mistero. Golvan preso da questa amicizia, si confida in tutto e per tutto con la ragazza, dimenticandosi molto spesso di lei e dei suoi problemi. Un giorno però Golvan si accorge che Isolde non c’è più…
Sebbene sia un racconto breve, tutti i personaggi e le storie inerenti alla trama sono narrate uno stile magistrale e stupendo, senza lasciale vuoti e storie inconcluse. La lettura del romanzo è molto scorrevole e veloce, e la sua brevità ti spinge da un lato a consumarlo velocemente ma dall’altro ti rallenta poiché vorresti poterlo assaporare all’infinito.

Bianca Rita Cataldi è nata nel 1992 a Bari, dove frequenta la facoltà di Lettere e studia pianoforte in conservatorio. Finalista al Premio Campiello giovani 2009, ha esordito nel 2011 con il romanzo “Il fiume scorre in te” (Booksprint Edizioni). Waiting Room, finalista della II edizione del premio Villa Torlonia, è il suo secondo romanzo.

venerdì 2 gennaio 2015

Recensione "Big Hero 6"

Nessun commento
"You have sustained no injuries. 
However, your hormone and neurotransmitter 
levels indicate 
that you are experiencing mood swings, 
common in adolescence. Diagnosis: puberty."
Baymax

E finalmente anche quest’anno, per Natale mi sono concesso, anzi mi hanno regalato un biglietto per il cinema, e il mio primo pensiero è stato: “Andiamo a vedere Big Hero 6!”. Onestamente ero un po’ scettico, visto soprattutto il trailer, e il fatto che fosse tratto da un fumetto, ma in realtà la storia e i personaggi mi hanno sorpreso tantissimo, e sono rimasto letteralmente a bocca aperta.

Big Hero 6
  • Chris Williams
Disney
★★★ 
La storia si svolge nella tecnologica città di San Fransokyo dove vivo i due fratelli Hiro Hamada, e Tadashi. Sia Tadashi che Hiro sono due ragazzi geniali, che amano costruire nuove tecnologie e nuovi robot. Una delle ultime creazioni di Tadashi, è Baymax, un robot infermiere che analizza e cura le persone, mentre Hiro si diletta creare i Microdot, piccoli Geomag che grazie all’impulsi celebrali di chi li comanda riescono a creare qualsiasi forma e a fare qualsiasi cosa. La morte di Tadashi, in un incendio doloso, porterà il piccolo Hiro verso lo sconforto, e quando scoprirà che tutto ciò che è successo è colpa di qualcuno, cercherà vendetta per il fratello. Come spesso accade i classici Disney danno la possibilità ai più piccoli di poter imparare sempre qualcosa, sia a livello familiare che a livello di amicizia, e anche in questo nuovo classico, la casa produttrice non si smentisce, tanto da portare lo spettatore a comprendere quando possa essere forte l’amore per un fratello e il desiderio di vendetta, forse troppo cruenta, che si placherà grazie all’aiuto degli amici sempre e comunque presenti, che fanno da grillo parlante. Molto interessante, sotto il profilo critico è sicurmante il rapporto che instaura tra Hiro e Baymax, che pian piano riescono ad interagire e a far coincidere i loro interessi. L'essere robot di Baymax, non condizionerà per niente la sua morale, o meglio la morale che gli ha impiantato Tadashi, quando lo ha costruito, poichè riuscirà ad essere un punto fermo, e un vero amico per il piccolo Hiro. I co-protagonisti, o meglio gli aiutanti del protagonista, soprattutto in questa storia non hanno molto spazio, a parte l'interagire e l'aiutare il ragazzo.

sabato 13 dicembre 2014

Il Diario di Jacopo - Lui

Nessun commento



Caro diario, mi ritrovo qui a scrivere dopo molti anni di assenza tra le tue pagine. Per la prima volta dopo i tempi del liceo, ricomincio a scrivere sulla carta e non su un foglio elettronico che poi verrà pubblicato in qualche blog. Sono all’ultimo anno di liceo, e oggi, durante la giornata di orientamento in facoltà ho conosciuto un ragazzo stupendo. Si chiama Alberto. È un tipo veramente simpatico alla mano, ma soprattutto affascinante, è stato una delle poche persone che è riuscita a guardarmi dentro senza forzarmi e senza invadenza. È un tipo veramente simpatico, anzi simpaticissimo e sicuramente gay. Me ne sono accorto da come mi guardava e soprattutto da come mi ha trattato. Però è simpatico, non è il classico ragazzo gay clichè, ma una persona normale, come me del resto. Già come me, soprattutto perché sei tu l’unico mio vero confidente che conosce questo segreto. Per fortuna sono riuscito ad avere il suo numero, anzi me lo ha praticamente memorizzato sul cellulare, e mi ha promesso che non tarderà a farsi sentire. Nell’attesa, mi rilasso con una canzone di Kylie Minogue, mentre preparo la cartella per domani e riordino la mia stanza.
P.s. ti allego la carta della gomma che oggi mi ha offeto.


Tuo J.